Europa: sempre più giovani perdono la fede

Il cristianesimo e la religione in generale non se la passano affatto bene tra i giovani europei.

A concluderlo è stato un rapporto curato dal professore di teologia e sociologia della religione alla St Mary’s University di Londra, il dottor Stephen Bullivant.

Secondo tale indagine tra i giovani europei (esclusi quelli di Polonia, Lituania ed Italia, paesi più cattolici d’Europa), quella della religione è una lenta agonia tutta europea.

Con alcune eccezioni degne di nota – ha dichiarato – i giovani adulti non si identificano sempre più o praticano la religione.

Nella Repubblica Ceca, ad esempio, il 91% dei giovani dai 16 ai 29 anni afferma di non credere in Dio. La stragrande maggioranza (80%) dei giovani in Estonia afferma lo stesso, così come il 75% degli svedesi.

Nel Regno Unito, il 70% non ha religione e solo il 7% si definisce anglicano  mentre il 6% dei giovani si definisce musulmano. In Francia sei giovani su dieci non hanno un credo”.

Insomma, si resta sotto la metà dei giovani intervistati solo in 10 dei 22 paesi.

“Meno della metà dei cattolici europei va regolarmente a messa. In Polonia, il 47% va una volta alla settimana. Ma in Belgio solo il 2% lo fa. Gli unici paesi europei in cui oltre il 10% dei giovani tra i 16 ei 29 anni afferma di frequentare servizi religiosi almeno settimanalmente erano Polonia, Portogallo e Irlanda. Come dire: tutto finito.” (Sole 24ore)

Un dato più che preoccupate se si pensa che, tra i giovani che dichiarano di credere in qualcosa, oltre la metà risulta non praticante.

Una perdita di fede che può identificarsi con la mancanza di esempi concreti legati a ciò che le religioni predicano.

Un danno ancora maggiore se si pensa che spesso, un percorso spirituale aiuta a far crescere la propria interiorità, ad educare ed educarsi a tutti quei valori sociali utili, se non altro, ad una pacifica esistenza tra i popoli.

Framo

Commenti

commenti

Francesco Amori

Scrittore, presente in “Racconti dall’Abruzzo e dal Molise” della Historica Edizioni (2018). Poeta edito nella raccolta di Poesia contemporanea “Sentire” della Pagine (2016).